• Stampa pagina
  • Area riservata
  • Versione alto contrasto
  • Versione standard
Scuola

Istituto Comprensivo Costiero Vico Equense

Dirigente: Dott.ssa Debora Adrianopoli Via Largo dei Tigli Vico Equense
Cod.Fisc.90087920634-Cod.Mecc.NAIC8GG002-email:NAIC8GG002@istruzione.it -posta certificata:NAIC8GG002@pec.istruzione.it tel. 081/8019612 - 081/0097283

Eventi

Visualizza i documenti allegati

Eventi a.s. 2019/2020

 

"#Fridaysforfuture: "Un'onda verde per il pianeta"
 



Eventi a.s.2018/2019

  Vico Equense on-line

CELEBRAZIONE DELLA GIORNATA MONDIALE DEL TEATRO. RIFLESSIONI ED INTENSE EMOZIONI

Il giorno mercoledì 27 marzo il mondo intero ha celebrato la giornata mondiale del teatro, una manifestazione lanciata nel 1961 e promossa dalle Nazioni Unite e dall’Unesco al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza dell’espressione teatrale e promuovere lo sviluppo delle arti performative in tutti i paesi del mondo. Ed è stata celebrata anche dall’Istituto Comprensivo “Costiero” di Vico Equense che, in collaborazione con Teatro Mio, ha organizzato un evento in onore dell’arte del teatro e sull’importanza del teatro nella pratica didattica. Due gli eventi organizzati: “La scuola si fa teatro”, il 27 marzo, e “Giornata di studio e riflessione sul fare teatro nella scuola” il 29 marzo. La giornata del 27 marzo è iniziata con i saluti della Dirigente dell’ I.C. “Costiero” dott.ssa Debora Adrianopoli e dal Direttore artistico di Teatro Mio Bruno Alvino. Il dirigente ha introdotto il tema della giornata attraverso la lettura del messaggio internazionale della giornata mondiale del teatro, scritto da Carlos Celdrán,  pluripremiato regista teatrale, drammaturgo, accademico e professore, che scrive: “la mia patria teatrale si trova in quei momenti di incontro con gli spettatori che arrivano sera dopo sera dagli angoli più disparati della mia città, per accompagnarci e condividere alcune ore, pochi minuti. La mia vita è fatta di questi momenti unici, in cui smetto di essere me stesso, e rinasco e capisco il significato della professione teatrale: vivere istanti di pura, effimera verità, dove sappiamo che ciò che diciamo e facciamo, lì sotto le luci del palcoscenico, è vero e riflette la parte più profonda, più personale di noi stessi”. Dopo questi minuti di riflessione intensa, si è dato il via a rappresentazioni di estratti di opere letterarie e letture animate, messe in scena da classi di alunni della scuola Primaria e Secondaria di primo grado. I primi ad esibirsi sono stati i bambini della classe III A, che hanno eseguito una lettura animata ispirata al libro “Favole al telefono” di Gianni Rodari, intitolata “Giocando… con Rodari”. I piccoli alunni sono stati davvero impeccabili nella loro performance e hanno dimostrato di saper stare al centro della scena con dimestichezza, ma soprattutto è stato possibile scorgere la passione e l’impegno che hanno impiegato, dando il meglio di sé stessi e dimostrando il loro amore per il teatro. Stessa cosa per la classe III C, esibitasi subito dopo con la rappresentazione di alcune scene tratte dall’opera di Louis Sepulveda “La gabbianella e il gatto”. È una splendida storia che parla di una giovane gabbianella che, dopo la morte della madre, viene cresciuta e accudita da un gatto. Anche loro sono stati davvero eccezionali e, pur avendo messo in scena solo una parte dell’opera, sono riusciti a far comprendere l’intero messaggio che Sepulveda intende trasmettere. In seguito, si sono esibiti gli alunni della classe IV D con lo spettacolo “Sei folletti nel mio cuore”, tratto dal libro di Rosalba Corallo. Il protagonista è Tommy, un bambino come tanti che va a scuola e ha degli amici, in particolare Chiara, che è la sua amica del cuore. Tommy è un bambino molto sensibile, ma per questo spesso diviene oggetto di scherzi e prese in giro. I bambini sono stati molto bravi nell’interpretazione del testo, mettendolo in scena con impegno e attenzione, ma soprattutto  hanno dimostrato che, attraverso il teatro, è possibile trasmettere emozioni indescrivibili . Gli ultimi ad esibirsi sono stati gli alunni della classe III C della Scuola secondaria di I grado, che hanno hanno messo in scena il racconto di Oscar Wilde “Il principe felice”, una storia che ha al centro la figura di un principe che ha vissuto la sua vita in un palazzo sfarzoso senza sapere cosa succedesse al suo popolo. Dopo la sua morte, gli viene costruita una statua al centro della città e da lì riesce a vedere tutte le disgrazie che affiggono il suo popolo. È grazie all’ aiuto di una rondine che riesce a spogliarsi delle sue ricchezze per donarle ai più poveri. I ragazzi sono stati impeccabili nella loro performance e hanno stupito ed emozionato davvero tutti, con la loro abilità non solo nel recitare, ma anche nel selezionare le musiche, nell’eseguire coreografie di ballo, il tutto funzionale a rendere il grande messaggio di altruismo e generosità che pervade l’intera opera. La giornata si è poi conclusa con riflessioni, opinioni e pareri dei docenti che hanno guidato e preparato i propri alunni e degli stessi alunni.

Il 29 marzo, invece, è stato un giorno dedicato allo studio e a riflessioni sul teatro nella pratica didattica. La giornata si è aperta con un sapiente ed emozionante reading della fiaba di Gian Battista Basile “La Sapia”, eseguito dal direttore artistico Bruno Alvino e della dirigente dell’I.C. Costiero Debora Adrianopoli, arricchito da suggestive coreografie di ballo a cura di due alunne del Costiero, Claudia Cinque e Elena Langella. La storia prende avvio da uno schiaffo che Sapia dà al figlio del re a causa della sua distrazione durante le lezioni che lei gli impartiva per istruirlo. Il principe, da allora, porta dento di sé il dolore di quel gesto e il desiderio di vendetta nei confronti di Sapia. Quando costei cresce, decide di sposarla, ma le riserva un destino di sofferenza, per arrivare poi alla riconciliazione finale. L’intensa performance, eseguita con grande maestria, è stata molto gradita dal pubblico. A seguire, la lettura del messaggio internazionale del teatro ad opera della Dirigente dell’I.C. “Caulino” Alberta Maresca, che ha espresso anche una serie di significative riflessioni sul teatro. Si sono poi aggiunti gli interventi di Salvatore Guadagnuolo (Agita), che ha presentato un progetto svolto con gli alunni di un Liceo di Salerno e i giovani detenuti del carcere di Nisida, che  hanno svolto insieme dei laboratori teatrali, conclusi con la rappresentazione  dell’opera di Ariosto “l’Orlando furioso”, e di Loredana Perissinotto, direttrice dell’ AGITA, che ha ironicamente parlato della drammaturgia e della poetica del teatro  nella scuola. Infine, l’intervento della Dirigente scolastica del Liceo “G.B. Vico” di Napoli, Maria Clotilde Paisio, con riflessioni su un possibile curriculo verticale sul teatro. La giornata si è conclusa con un breve reading a cura di alcuni alunni del Liceo “G.B.Vico”, intitolato “Quanno fernesce ’a guerra”, che ha trasmesso emozioni intense e ha indotto a riflettere sul dolore profondo legato alla dura e cruda realtà della guerra.

Insomma, due giornate dedicate al teatro, all’importanza del fare teatro a scuola, due ricche giornate per dimostrare che il teatro ha come obiettivo primario quello di dare spazio alle potenzialità espressive, emotive e relazionali di ciascuno, nel rispetto delle caratteristiche del singolo. Fare teatro è un processo delicato che riguarda la disponibilità ad aprirsi, a mettersi in gioco, a superare le paure; è un luogo di crescita umana, un momento di cultura e di vita indispensabile per valorizzare le potenzialità e le risorse, anche nascoste, dei ragazzi. Fare teatro a scuola aiuta a sviluppare le competenze. Infatti, “se ascolto dimentico, se vedo ricordo, se faccio capisco” (o imparo) citando Confucio. Come ha più volte evidenziato la dirigente Debora Adrianopoli, solo attraverso il fare, attraverso l’esperienza, è possibile la comprensione più profonda dell’oggetto di studio e quindi il vero apprendimento. E perché il fare abbia efficacia, deve essere piacevole e divertente, e nulla forse può riuscire ad esserlo più del teatro.

Gli alunni della terza C scuola Sec. I grado


Vico Equense on-line  leggi l'intero articolo


 Medaglia d'oro all’Istituto Costiero di Vico Equense

 
Premiato il video sulla Cappella di Santa Lucia di Massaquano

Vico Equense - Questa mattina, l’Istituto Comprensivo Costiero di Vico Equense è stato premiato nel teatrino di corte del Palazzo Reale di Napoli, per aver partecipato al concorso “Le scuole adottano i monumenti della nostra Italia 2017/2018”. Un viaggio straordinario alla scoperta dei tesori del nostro paese, spesso ancora sconosciuti. E così chiese, palazzi, castelli, piazze, fontane, monumenti ai caduti, biblioteche, musei, parchi, fiumi, canali, strade, ponti, sentieri, grotte, alberi, spiagge, baie, torri, siti archeologici, edicole votive, … sono diventati oggetto di conoscenza e amore. I ragazzi, uscendo dalle mura scolastiche, hanno incontrato il loro mondo e hanno deciso di prendersene cura adottandolo. Al concorso hanno partecipato 1100 scuole di ogni ordine e grado, afferenti a 450 Comuni; circa 1.500 sono stati i docenti referenti. Le scuole premiate per il lavoro svolto sono state 12 con medaglia stellata, 29 con medaglia d’oro oro e 25 con medaglia di argento. “Il nostro Istituto – spiega la dirigente scolastica Debora Adrianopoli – lo scorso anno ha realizzato un video “L’incanto tra le dita” per testimoniare l’adozione della Cappella di Santa Lucia di Massaquano”. Alla cerimonia di premiazione hanno partecipato Paolo Sciascia, Direzione Generale per lo Studente, Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca; Gilberto Corbellini, Direttore del Dipartimento Scienze umane e sociali, patrimonio culturale del CNR; Marco Rossi Doria, Insegnante esperto di politiche educative e sociali; Mirella Stampa Barracco, Presidente Fondazione Napoli. Novantanove e una rappresentanza degli alunni del Costiero accompagnati dalla Preside Debora Adrianopoli, dal prof. Francesco Abbagnale e dal Vice Sindaco di Vico Equense Franco Lombardi.
 
                                       La Premiazione                                                                             Lo spot: L'incanto tra le dita
                 

 


Eventi a.s. 2017/18

Vico Equense - Un' intera settimana dedicata alla lettura: domani, nell'Istituto Comprensivo "Costiero" di Vico Equense, inizieranno le gare, organizzate con la collaborazione della Libreria Ubik e con il Patrocinio del Comune di Vico Equense. E' un'iniziativa che da' spazio ad un nuovo modo di intendere la lettura che, attraverso sfide avvincenti, diventa un vero gioco di squadra. Le classi quarte e quinte della Scuola Primaria e tutte le classi della Scuola Secondaria parteciperanno alla gara "Per un pugno di libri", sfidandosi sulla conoscenza di libri letti nel corso di questi mesi. Domani 16 aprile, nel plesso Sconduci, si sfideranno le classi quarte, martedì 17 aprile le quinte della Primaria e l'evento sarà arricchito dalla presenza dell'autore di uno dei libri proposti, Gianni Biondillo (Pit, il bambino senza qualità); mercoledì 18 sara' la volta delle prime medie; giovedì si sfideranno le seconde medie, che incontreranno lo scrittore napoletano Matteo Speraddio, che aprirà un dibattito su questioni di attualità; infine, martedì 24 aprile, chiuderanno le sfide le classi terze e seguirà la premiazione, con la partecipazione del Sindaco Andrea Buonocore e dell' Assessore alla Cultura Lucia Vanacore. In palio, per le classi vincitrici, libri e una visita guidata ad uno dei tesori più belli del nostro territorio, Napoli sotterranea. Si tratta di un' iniziativa volta a stimolare il piacere della lettura, che viene purtroppo sempre più messa da parte a favore dei più moderni strumenti tecnologici; un'iniziativa che intende stimolare e motivare i ragazzi creando un gioco di squadra. Infatti la scuola rappresenta il luogo privilegiato per promuovere itinerari e strategie atti a suscitare curiosità e amore per i libri, ad appassionare alla lettura divertendo. Si supera la concezione della lettura come "dovere scolastico" per un obiettivo più ampio, che coinvolga le emozioni, le esperienze affettivo-relazionali e sociali. La lettura al Costiero diventa cosi' la condivisione di un' esperienza, che risulterà senza dubbio formativa, accattivante e positiva.

 

 


Lunedì 19 marzo un incontro nella sala consiliare per parlare di disturbi alimentari 

Il 15 marzo è la giornata nazionale del ‘fiocchetto lilla’, pensata per sensibilizzare la popolazione sui disturbi alimentari.

Per affrontare l’argomento, lunedì prossimo, 19 marzo 2018, dalle ore 15 alle 18, nella sala consiliare del Comune di Vico Equense è in programma un incontro organizzato dall’Istituto Comprensivo Costiero in collaborazione con Never Give Up, la Onlus di professionisti che ha partecipato all’ultima edizione di Festa a Vico, per la sensibilizzazione, la prevenzione, il trattamento e la ricerca sui disturbi dell’alimentazione, con il patrocinio della Città di Vico Equense.

https://vicoequenseonline.blogspot.it/2018/03/a-vico-equense-la-giornata-del.html?spref=fb

 

 

Io leggo perchè 2017

  

       http://vicoequenseonline.blogspot.it/2017/10/vico-equense-gli-alunni-dell-istituto.html

Teatro Mio. Gli alunni dell'Istituto Comprensivo Costiero partecipano al progetto Totò

       http://vicoequenseonline.blogspot.it/2017/10/teatro-mio-gli-alunni-dellistituto.html

 

 


Eventi a.s. 2016-17

Gare di nuoto... i nostri campioni

Non sono solo compagni di squadra,sono prima di tutto amici che da ormai due anni nuotano assieme!
Non hanno mai temuto il tuffo dal blocco o l'assenza dal podio...Non han mai smesso di incoraggiarsi a vicenda è mai è venuto meno l'impiego ed il sostegno delle loro famiglie.Uniti anche quando la loro vasca"materna" di Varano è stata chiusa...Adottati dall'Atlantis di Angri hanno dato sempre il massimo,non temendo nulla, neanche l'interazione di altri allenatori!
Sono piccoli uomini e piccole donne che sabato 25 e domenica 26 disputeranno le gare nazionali di nuoto UISP a Riccione!
Sono Marco dell'Amura IC scuola sec Daniele Cannavacciuolo IVB Vita dell' Amura Il B e Alessia Volpe 3A
Daniele e Vita si sono già distinti nello scorso campionato"Regno delle due Sicilie"e in quello in corso già plurimedagliati!
Alessia e Marco sono al loro esordio 
Tra gare individuali e staffette daranno il massimo per trionfare,eppure loro quattro hanno già vinto quando il loro nome è comparso negli elenchi di Riccione 2017
 

7° trofeo Tennistavolo
Il giorno 8 marzo c. a. l' I. C. "Costiero" di Vico Equense ha partecipato al 7° trofeo di Tennistavolo " Città di Massa Lubrense" classificandosi al 1° posto tra tutte le scuole partecipanti.
La coppa che è stata assegnata al nostro Istituto rimarrà per un anno presso la nostra scuola.
Gli alunni che hanno preso parte al torneo sono:
Conte Veronica                                                         Cartenì Alessandro
Esposito Vittoria                                                       Maresca Antonio
Auricchio Benedetta                                                  Di Guida Francesco 
 
 

 

 

 


Eventi a.s. 2015-16

9 marzo 2016

Mercoledi 9 marzo presso la palestra "BOZZAOTRA" di Massalubrense si è svolta la sesta edizione del trofeo Tennis tavolo. Alla manifestazione hanno partecipato gli alunni provenienti da 9 istituti comprensivi della penisola sorrentina.L'evento è inserito nel più ampio progetto in rete GIOCHINSIEME che prevede una serie di attività sportive riservate agli alunni delle scuole medie.

Risultati Singolo

Classi I
Maschile  Femminile
Maresca Antonio 1° A     1° Posto Savarese Claudia 1°D                2° Posto
Classi II
Maschile Femminile
Astarita Massimo 2° C     1° Posto Auricchio Benedetta  2° B          3° Posto
Classi III
Maschile  Femminile
Cioffi Giuseppe 3° C        5° Posto Daddio Maria Alessandra  3°D    4° Posto

Risultati doppio

Di Guida Francesco 2° B e Percuoco Antonio 2° C -----   3° Posto

Paduano Giulia e Gargiulo Sara 2° A ------- 1° Posto


26 settembre 2015

Stamane gli alunni delle classi quarte e quinte della scuola primaria e tutti gli alunni della scuola secondaria di primo grado dell' Istituto Comprensivo Costiero di Vico Equense, ( circa 450 alunni) con grande entusiasmo e partecipazione hanno salutato Salvatore Cimmino che dal meraviglioso mare della marina di vico Equense e' partito per la traversata a nuoto fino a Torre annunziata ( 15 km di costa).

Una iniziativa molto significativa e di grande esempio per tutti i nostri studenti, piccini e grandi, per testimoniare l ' importanza di una cultura inclusiva, di una realtà che non escluda nessuna nella vita di tutti i giorni e che non lasci indietro nessuno.

Ascoltare Salvatore, assistere alla preparazione per la sua impresa, vederlo tuffarsi a mare ha offerto la possibilità a tutti noi di vivere in pieno l' impegno per realizzare una società inclusiva guardando oltre le pareti della scuola e vivendo in diretta esperienze connesse agli insegnamenti che la scuola costantemente deve offrire.

L' handicap e' una parte del mondo non un mondo a parte...superare i nostri limiti per accorgersi che non esistono... Guardare oltre ... Questi i messaggi che gli alunni hanno sventolato con i loro meraviglioso striscioni e bandieroni.

Un grazie a tutti gli alunni e tutti gli insegnanti per l' entusiasmo e la partecipazione.

Un grazie a Salvatore per la straordinaria emozione che ha regalato a tutti noi.

IL MATTINO qui

Vico Equense On Line qui

Positano News qui


 

 


File scaricabili

Tipo Descrizione Azione
jpg LOCANDINAgiornatadidattica.jpg

Percorso

Homepage  - Eventi

L'Istituto



Scuola-Famiglia-Territorio



Didattica Viva



Iscriviti alla Newsletter

 
iscriviti    cancellati