• Stampa pagina
  • Area riservata
  • Versione alto contrasto
  • Versione standard
Scuola

Istituto Comprensivo Costiero Vico Equense

Dirigente: Dott.ssa Debora Adrianopoli Via Largo dei Tigli Vico Equense
Cod.Fisc.90087920634-Cod.Mecc.NAIC8GG002-email:NAIC8GG002@istruzione.it -posta certificata:NAIC8GG002@pec.istruzione.it tel. 081/8019612 - 081/0097283

Progetto


Il modulo " Il cinema in città: uno spot per Vico Equense “ è un corso di 50 ore.

L'audiovisivo, che presenta varietà di metodologie operative superiori ad altri linguaggi ed è oggi il principale sistema di comunicazione utilizzato dagli studenti, rappresenta una via essenziale per incidere sulla loro formazione culturale e di vita.
La visione è un aspetto fondamentale sia sotto il profilo biologico che sotto quello socio-culturale.
Gli esseri umani hanno usato da sempre le immagini per trasmettere informazioni, un aspetto ulteriormente accentuato dalle nuove tecnologie.

Gli studenti sono solitamente fruitori passivi degli stimoli audiovisivi; per questo nasce l'esigenza di creare un modulo scolastico che possa fornire agli stessi gli elementi essenziali del linguaggio audiovisivo al fine, non solo di avvicinare i ragazzi al mondo della comunicazione, ma soprattutto per stimolarne la creatività e accrescere la propria capacità critica e decisionale, portandoli a diventare essi stessi “produttori” di sapere attraverso le immagini. Il modulo si candida, inoltre, ad interagire ed integrarsi con altri moduli artistici attivati (musica, teatro, arte) dalla Scuola creando i presupposti per una nuova didattica, che affianca le metodologie tradizionali per focalizzare l’attenzione degli studenti invitandoli ad una partecipazione attiva nell’apprendimento.

Nell’ottica di un approccio che coinvolga il più attivamente possibile la partecipazione dei ragazzi le lezioni saranno sempre declinate in maniera pratica attraverso la metodologia del “learning by doing”.

Il modulo si sviluppa in 5 macrofasi 

1) Incontri di conoscenza e apprendimento non formale attraverso l'audiovisivo ed il gioco con le immagini

2) visione di cortometraggi, spot e piccoli documentari per avvicinare i ragazzi alla materia

3) visite guidate al Museo del Cinema, al Monumento al Cinema a Vico Equense

4) Realizzazione di uno spot per la città attraverso l'utilizzo di attrezzature professionali e personale altamente qualificato
5) Partecipare ad un grande evento cinematografico, come il Social World Film Festival di Vico Equense (Napoli), per rivedere l'opera audiovisiva realizzata insieme ad altre realtà scolastiche incentivando lo scambio, la crescita e l'integrazione delle conoscenze

L’anno scorso l’Associazione MOFILM FESTIVAL si è occupata della realizzazione di brevi pillole video inserite all’interno di una produzione teatrale.

Il modulo qui proposto ha in comune con quanto fatto la metodologia di “laboratorio sull’audiovisivo” che raccoglie la sfida di una nuova didattica, che affianca le metodologie tradizionali a una partecipazione attiva nell’apprendimento. I ragazzi diventano così produttori o comunicatori di sapere attraverso le immagini e nuovi storici del proprio territorio.

Il progetto sarà strutturato in lezioni laboratoriali, nel solco delle consolidate metodologie del “Learning by doing” riproducendo, così il percorso di concepimento di un prodotto audiovisivo, attraverso le fasi canoniche della sua lavorazione: la pre- produzione, la produzione e la postproduzione.

Il modulo intende:

- implementare e rafforzare le metodologie per una nuova didattica, che affianca tradizionali per focalizzare l’attenzione degli studenti per una attiva e significativa partecipazione nell’apprendimento.

- attivare/incentivare il rapporto con una pratica, la visione e la produzione cinematografica, che per le sue caratteristiche di esperienza collettiva rappresenta un fondamento della vita di relazione del nostro tempo

- Incentivare reti di solidarietà e di aiuto reciproco tra studenti, infatti  il linguaggio audiovisivo nasce dalla costante interazione tra soggetti, intelligenze e sensibilità diverse

Obiettivi formativi:

  1. Incentivare reti di solidarietà e di aiuto reciproco tra studenti sarà la priorità per il laboratorio proposto; infatti  il linguaggio audiovisivo nasce dalla costante interazione tra soggetti, intelligenze e sensibilità diverse. 
  2. Promuovere l’incontro con l’altro e il lavoro di squadra, cooperando ed interagendo professionalmente nel rispetto della sensibilità di ciascuno.
  3. Abituare i ragazzi a vivere esperienze sociali scandite da reciproco rispetto e collaborazione

Risultati attesi

  • attivare/incentivare il rapporto con una pratica, la visione e la produzione cinematografica, che per le sue caratteristiche di esperienza collettiva rappresenta un fondamento della vita di relazione del nostro tempo
  • favorire una concreta partecipazione dei destinatari del progetto, attraverso il dialogo e il confronto con l’Altro
  • fornire gli strumenti per una fruizione matura del testo audiovisivo e per una consapevole produzione del testo stesso, al fine di promuovere le tradizioni e il folklore della città
  • determinare all’interno di una realtà storica e sociale di profonda dis-integrazione come quella in cui viviamo, un circolo virtuoso di inclusione e apprendimento, un momento di condivisione e crescita proficuamente orizzontale.

I lavori realizzati nel corso del modulo verranno presentati alla comunità grazie alla realizzazione di un evento aperto alla cittadinanza – ai genitori in primis – in cui saranno i ragazzi a illustrare quanto imparato e a presentare i propri lavori.

I corti realizzati, infine, nell’anno successivo alla dine del laboratorio verranno iscritti ai principali festival di corti nazionali e internazionali che contemplano una sezione dedicata ai lavori realizzati in ambito laboratoriale e educativo.

            TEMPISTICA DI REALIZZAZIONE

Il percorso è di 50 h si articolerà nel periodo febbraio 2019 – giugno 2019 per 1 incontro settimanale di 3 ore ciascuno

            SEDE DELLE ATTIVITÀ

plesso Scarlatti Via Largo dei Tigli Vico Equense

            DESTINATARI DELLE ATTIVITÀ

Il modulo è rivolto a 25 alunni dell’ultimo anno della Scuola primaria ed alunni della Scuola Secondaria di I grado.

            ATTREZZATURE/SUPPORTI TECNOLOGICI UTILIZZATE NELLE ATTIVITÀ

MacBook Pro ram 16gb, i7 con Software montaggio professionale - MacBook Pro ram 8gb, i5 con Software editing professionale - 4 hard disk 3tb per backup vari - 4 risme fogli A4 - Materiale tipografico vario (da concordare) - Canon EOS 5D Mark III o somilare - Scheda Compact Flash 64GB UDMA 7 - Obiettivi vari - Accessori e batteria camera vari - Filtri vari - Treppiedi Manfrotto  - Testa Video Manfrotto  - Monopiede Manfrotto - Microfono direzionale - Filtro Antivento - Cuffie - Registratore - Parco faretti led - Quarzine varie - Stativi

            RISORSE UMANE IMPIEGATE CON I RISPETTIVI RUOLI

Coordinatore di progetto: Dirigente scolastico Debora Adrianopoli

- Responsabile amministrativo: D.S.G.A. Antonella Cioffi

- Valutatore interno: Carmela Guida

- Progettisti interni: Concetta Scaramellino- Elisabetta Riccardi

- Tutor interno: Francesco Abbagnale

- Esperto esterno: Luigi Russo

- 1 assistente amministrativo

- Partner: Associazione MOFILM FESTIVAL

            STRUMENTI DI VALUTAZIONE

In tutte le fasi di attuazione, il progetto sarà sottoposto a verifica di processo attraverso un’attività di osservazione e di registrazione tramite la seguente strumentazione:

  • registro, con annotazioni degli argomenti e attività delle singole lezioni
  • rilevazioni periodiche degli apprendimenti degli allievi
  • questionari di soddisfazione

Lo scopo primario è quello di tenere sotto controllo l’attività formativa nel suo concreto svolgimento per modificare in tempo utile eventuali disfunzioni rispetto agli obiettivi individuati in fase progettuale.

Gli elementi da monitorare in itinere (indicatori) sono:

  • Livello di partecipazione
  • La frequenza dei corsisti
  • Rispetto dei tempi
  • Funzionalità degli orari
  • Agibilità degli spazi
  • Clima affettivo relazionale all'interno del gruppo-classe e delle relazioni interpersonali
  • Risultati degli apprendimenti

Gli strumenti di valutazione finale del progetto sono:

  • schede degli esiti dei monitoraggi periodici
  • schede degli esiti della valutazione finale degli allievi
  • i questionari di soddisfazione (livello di gradimento dei corsisti, del tutor, dell’esperto, ecc.);
  • il prodotto finale

 



Trasparenza ed Accessibilità



L'Istituto



Scuola-Famiglia-Territorio



Didattica Viva



Iscriviti alla Newsletter

 
iscriviti    cancellati